L’impegno R.N.R.E. per il terremoto.

logo-rnreRiceviamo e pubblichiamo la nota stampa di R.N.R.E.

Subito dopo l’evento sismico che aveva colpito L’Aquila si decise a Biella di dare vita ad una struttura nazionale di Protezione Civile. Nacque R.N.R.E. cioè il Raggruppamento Nazionale Radiocomunicazioni Emergenza con lo scopo di creare volontari in grado di intervenire non solo con le radio ma con l’utilizzo delle nuove tecnologie disponibili al ripristino di comunicazioni in caso di eventi calamitosi di una certa rilevanza.
Questa struttura si è dotata nel corso di questi anni di una Colonna Mobile di Pronto Intervento attivabile direttamente dal Dipartimento Nazionale presso la Presidenza del Consiglio e collocata sul territorio nazionale.

Biella è uno dei punti sede di unità di Pronto intervento e sede centrale dell’RNRE.

auto-rnre

Unità mobile R.N.R.E.

Il giorno 24 agosto a seguito dell’evento sismico verificatori nel Centro Italia alle ore 4 è sta preallertata da Roma la struttura di emergenza R.N.R.E.
Vid 5 l’intera colonna Mobile era in pronta partenza ed alle 5.30 a seguito di attivazione da Rom sono partite le prime due unità da Roma e Arezzo per rendersi conto dell’effettiva rilevanza della calamità.
Vid 7 la prima unità è arrivata ad Accumoli contemporaneamente a funzionari del Dipartimento con i quali si è concordato i primi interventi.
Da un primo rilievo ci si è resi conto del crollo totale delle infrastrutture intese come rete elettrica,telefonica fissa e cellulare oltre alla necessità di garantire un primo supporto sanitario .
Da qui la immediata creazione di una struttura sanitaria in tende per garantire i primi soccorsi e da parte dei volontari del Raggruppamento di attivare le comunicazioni di emergenza.

I nostri volontari hanno quindi utilizzato delle valigette portatili in dotazione delle strutture attraverso le quali via satellite portare la connettività wifi e conseguentemente permettere i primi collegamenti telefonici attraverso la tecnologia Voip.
Sulle tende coordinamento soccorsi era quindi possibile vedere i numeri telefonici utilizzati e tutti con prefisso 015…
Pm 7 si è anche attivata dalla stazione di Biella la rete nazionale radio in fonia a 7060Mhz ,per dare informazioni via radio ai vari gruppi operativi ,segnalazione sulle strade ecc.
Immediata informazione è stata data, come prevede la nostra catena di allertamento ,a Londra per avvertire dell’evento tutte le reti europee.
Ad Accumoli invece si è cercato di identificare una struttura che fosse antisismica in quanto proseguivano le scosse che ad oggi hanno superato le 3.500…
Questa struttura è stata identificata nel salumificio Sana a 4 kilometri da centro della città e qui si è proceduto all’installazione del COC ( Centro Operativo Comunale ) .
I nostri volontari si sono susseguiti nelle turnazioni provenienti con le loro unità mobili dal Molise, Lazio, Toscana, Piemonte ed Abruzzi.
Per quanto riguarda questa ultima unità ci fa piacere ricordare che era stata donata dalla Banca Sella con il contributo raccolto tra i biellesi a seguito del terremoto dell’Aquila ed assegnata alla presenza della Banca sella e dei funzionari di Roma del Dipartimento alla nostra struttura di Castel di Sangro.
A cura dei nostri volontari sono state quindi reinstallate delle nuove postazioni satellitari e predisposta una rete dati per la connettività ai computer installati nel centro per la gestione dell’emergenza .

fr01-accumoli

I soci A.R.S.Italia ad Accumoli

Inoltre hanno provveduto a stendere i cavi elettrici per portare l’alimentazione fornita dall’ENEL e installare dei ripetitori per telefonia cellulare forniti dalla Telecom.

Il supporto fornito da RNRE è risultato quindi molto professionale e molto apprezzato dal Dipartimento nazionale.

Oltre a ciò i nostri volontari sono stati chiamati ad operare a Rieti nei locali del DICOMAC, il centro nevralgico del coordinamento di tutta l’emergenza sismica ,in un settore molto delicato quale la segreteria centrale presso la direzione del Dipartimento .
In questo caso hanno operano attraverso l’utilizzo di programmi speciali creati dal Dipartimento a cui si erano apportate modifiche con il supporto dei nostri specialisti negli scorsi mesi.
Importante fare notare che le strutture di volontariato attivate da Roma in occasione di questa emergenza sono state selezionale in modo molto rigoroso ,facciamo presente che il primo giorno erano state oltre ad RNRE una decina.
A differenza dalle altre emergenze si è quindi preferito puntare sulla qualità degli interventi piuttosto che la quantità e da qui infatti la decisione di mandare indietro tutte le strutture non attivate comprese le Colonne Mobili regionali inclusa quindi quella del Piemonte.

Altra importante chiusura è stata per la raccolta di viveri e materiale che in alcune città si era effettuata malgrado gli avvertimenti del Dipartimento.

Il motivo era dipeso dal fatto che non c’era necessità di viveri ed altro in quanto la popolazione colpita dal sisma era intorno alle 5.000 unità e quindi largamente collocate nei campi installati a cura delle regioni Abruzzo, Lazio, Umbria e Marche e di quelli creati dai volontari del CISOM, ANPAS e Misericordie.
L’unità mobile di Biella è partita sabato mattina ed è rientrata mercoledi notte dopo una attività ininterrotta sul territorio..

iz0bnq-accumoli

Il nostro ref. nazionale G.N.P.C. IZ0BNQ

Nel corso delle operazioni il nostro Presidente, IK1YLO, ha provveduto anche a prendere contatto con il sindaco di Accumoli a cui ha datoun muletto elettrico elevatore che ci era stato consegnato dalla Toyota con l’incarico di assegnarlo a nostra discrezione ad una struttura sul territorio.
Analogo incarico ci è stato assegnato dalla Hyundai per identificare a chi assegnare in prestito d’uso due escavatori di grandi dimensioni che verranno portati in loco direttamente dalla ditta.
Già nel sisma che aveva colpito l’Emilia eravamo intervenuti con le nostre strutture ma in questo caso invece l’intervento ha visto coinvolta l’intera struttura nazionale e possiamo dire che è stato un vero e proprio battesimo del fuoco a cui con orgoglio possiamo dire di avere risposto in modo adeguato.
Ci auguriamo magari che altri siano interessati ad aggregarsi alle strutture R.N.R.E. per fornire il loro supporto sia in questo tipo di attività che nel prossimo compito che ci è stato già richiesto da Roma e cioe strutturarci anche per essere in grado di allestire e gestire un campo di raccolta per i volontari che intervengono in una emergenza .
Quindi necessità di raccogliere risorse per le strutture ,cucine da campo ,tende ecc e volontari per il loro funzionamento.

 

Taggar: , , , , , ,

 
 

Riguardo l'autore

Berednings-

Altri articoli di