ARS1-ridottaOramai possiamo affermarlo senza remore o temenza di essere smentiti. A.R.S. Italia, registra ogni giorno un numero di adesioni tale da mettere seriamente in difficoltà l’apparato amministrativo che le governa: la segreteria.

Seppur gestite con grande diligenza e velocità, capita di dover impegnarsi molto per dare risposte immediate a coloro che si iscrivono gratuitamente all’ Associazione e, giustamente, pretendono di ricevere nel più breve tempo possibile l’attestato che ne certifica la qualità di Socio. Un successo insperato ma reale dovuto alle scelte oculate che la dirigenza dell’associazione ha saputo individuare: la diversificazione dei servizi.

E’ quello che da molti anni si chiedeva ad una associazione che volesse rappresentare un popolo, quello degli OM, che, per sua natura, è orientato ad attività ed obiettivi diversi.

E’ pleonastico pensare ad OM patentati o a semplici simpatizzanti delle onde elettromagnetiche o appassionati di Radiotecnica, che non hanno possibilità di istallare antenne e quant’altro serve e che magari si rivolgono all’ ascolto delle Broadcasting in Am o DRM e obbligarli a comprare un pacchetto conditio sine qua non.

Questo è il ragionamento che sta alla base della filosofia ARS.

Chi si iscrive, gratuitamente, può, se vuole, abbonarsi a ciò che vuole:

BureauServizio QSL tramite un manageriato USKA che sta funzionando benissimo  con un costo annuo di 20€

 

assicurazione arsAssicurazione antenne tramite una convenzione stipulata con Unipol, che prevede, tra l’altro, l’estenzione della polizza, attraverso il pagamento di premio aggiuntivo, a tutto ciò che appartiene al socio A.R.S.:

Stazione radio, Abitazione, Automobile ecc. ecc.

Significa che, con soli 5€ annui siamo coperti per quanto dovesse conseguire per es. dal crollo del setup antenne.

I danni assicurati sono quelli verso terzi.

Olte questo si può usufruire, ovviamente pagando altro premio, di sconti veramente rilevanti.

Personalmente ho avuto un risparmio annuo, rispetto alla mia vecchia polizza auto stipulata con una delle più grosse assicurazioni italiane, di quasi quasi 300€ annui: da 800 a 500€…scusate se è poco visti i tempi.Ecco il contratto

assicurazione ars
La rivista, che il buon Nik I0SNY riesce a mettere online ogni mese, grazie anche alla collaborazione volontaria di tanti colleghi, è assolutamente gratuita…altra chicca!

Per non parlare dell’assistenza legale attraverso gli avvocati che A.R.S. mette a disposizione.

Insomma, in A.R.S. si può scegliere, senza tanti fronzoli e senza alcuna costrizione, in piena libertà.

Ma eccovi il contratto, a mò di esempio, decurtato dalle generalità, che ho stipulato per la mia

 

Tags: , , , , ,